BISTROT MOOD // Il Corriere della Pera

Il Bistrot è il ristorante, la trattoria d’altri tempi, la caffetteria dei miracoli, la vineria, il luogo dell'anima dove ci si incontra, si scambiano parole. Il Bistrot è anche luogo dove si scambiano parole e il Corriere della Pera vuole raccogliere quelle che un po' meritano di essere ricordate!


Flan di porri e raschera

2 marzo 2013 - Postato da: Marco
Tag:, , , ,

I Love Food, I Love Bistrot

Prima ricetta, preparate e gustate

INGREDIENTI:

  • 200 GR. di Raschera
  • 5 Porri freschi
  • 100 GR. di burro
  • Noce moscata
  • Latte Q.B.
  • Panna Q.B.
  • 1 uovo
  • Farina
  • Pasta brisée
  • Sale e pepe

PREPARAZIONE:

Appassite i porri con una noce di burro, finchè siano morbidi ma non bruniti.

In altro tegame sciogliete 50 GR. di burro e 50 GR. di farina in 500 ML. di latte. Ponete su fuoco basso mescolando con una frusta. Cercate di ottenere una crema di bella consistenza che aggiusterete di sale e di pepe e noce moscata e che nemmeno sotto tortura chiamerete mai besciamella.

Sciogliete a bagno maria il formaggio raschera in poca panna. Unitelo al composto di latte, farina e burro. Ad esso aggiungete i porri insieme ad un uovo. Mescolate o fate mescolare con molta cura al primo che passa. Non dimenticate sale e pepe in giusta quantità.

“Il Q.B. m’ha sempre mandato in bestia, ma tant’è. Se volete che venga a “sentire il sale” chiamate. I miei numeri sono pubblici.”

A questo punto servirebbe della pasta brisée. Siccome siete terribilmente pigri ed intelligentissimi, ne comprerete di già pronta senza impegolarvi nel tentativo di farla da soli. Bravi!

Tagliate la pasta brisée, in dischi del diametro di 10 cm che disporrete sul fondo di appositi stampi in alluminio. Infornate per circa 10 minuti a 180°. Togliete tutto dal forno e lasciate raffreddare.

Riempite le forme con il composto preparato e infornate nuovamente finchè la superficie dei flan risulterà dorata. Io mi attesterei su un tempo indicativo di 14 minuti e mezzo. Secondo piu’, secondo meno. Non siate troppo puntigliosi.

I Tortini son bellecchè pronti. Van lasciati intiepidire nel forno chessenno’ vi si afflosciano e non è bello.

Tolti dalla loro forma potranno essere serviti nel piatto con un filangè di porri appena scottati o pomodorini confit e una ragionevole dose e generosa di fonduta del raschera con cui li abbiam fatti.

Invitateci a cena. Baci

La ricetta fotografata passo dopo passo!